HomeSentenzeArticoliLegislazioneLinksRicercaScrivici
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, 22/2/2018
Aggiornamento a metodologia invariata dei fabbisogni standard delle province e delle citta' metropolitane delle regioni a statuto ordinario per il 2018.
(GU n.111 del 15-5-2018)
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
Materia: enti locali / attivitÓ

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

22 febbraio 2018

Aggiornamento a metodologia invariata dei fabbisogni  standard  delle
province  e  delle  citta'  metropolitane  delle  regioni  a  statuto
ordinario per il 2018.
(GU n.111 del 15-5-2018)
 
                            IL PRESIDENTE
                     DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
 
  Vista  la  legge  23  agosto  1988,  n.  400,  recante   Disciplina
dell'attivita'  di  Governo  e  ordinamento  della   Presidenza   del
Consiglio dei ministri;
  Vista la legge 5 maggio 2009, n. 42,  e  successive  modificazioni,
recante Delega al Governo  in  materia  di  federalismo  fiscale,  in
attuazione dell'art. 119 della Costituzione;
  Visto il decreto legislativo 26 novembre 2010, n. 216, e successive
modificazioni, recante Disposizioni in materia di determinazione  dei
costi e dei fabbisogni standard di  comuni,  citta'  metropolitane  e
province,  adottato  in  attuazione  della  delega  contenuta   nella
predetta legge n. 42 del 2009;
  Vista la lettera b) dell'art. 5 del citato decreto  legislativo  26
novembre 2010, n. 216 che prevede che la Societa' per  gli  studi  di
settore - Sose S.p.A. provvede al monitoraggio della fase applicativa
e all'aggiornamento delle elaborazioni relative  alla  determinazione
dei fabbisogni standard;
  Vista la lettera e) dello stesso art. 5 del decreto legislativo  26
novembre 2010, n. 216, come modificata dall'art. 31  della  legge  28
dicembre 2015, n. 208, che prevede che  la  nota  metodologica  e  le
elaborazioni relative alla determinazione dei fabbisogni standard  di
cui alla lettera b) sono sottoposte alla Commissione  tecnica  per  i
fabbisogni standard, anche separatamente, per l'approvazione;
  Visto  il  verbale  della  Commissione  tecnica  per  i  fabbisogni
standard   n.   26   del   20   settembre   2017,   di   approvazione
źdell'Aggiornamento a metodologia invariata dei  fabbisogni  standard
delle province e citta' metropolitane per il 2018╗;
  Visto l'art. 6 del ripetuto decreto legislativo 26  novembre  2010,
n. 216 che dispone che con uno o  piu'  decreti  del  Presidente  del
Consiglio  dei  ministri,  previa  deliberazione  del  Consiglio  dei
ministri e sentita la Conferenza Stato-citta'  ed  autonomie  locali,
sono adottati, anche separatamente,  la  nota  metodologica  relativa
alla procedura di calcolo dei fabbisogni  standard  e  il  fabbisogno
standard  per  ciascun  comune,  previa   verifica   da   parte   del
Dipartimento della Ragioneria  generale  dello  Stato  del  Ministero
dell'economia e delle finanze, ai  fini  del  rispetto  dell'art.  1,
comma 3;
  Visto,  altresi',  il  medesimo  art.  6  del  richiamato   decreto
legislativo 26 novembre 2010, n. 216 che, nel caso  di  adozione  dei
soli  fabbisogni  standard,  decorsi  quindici   giorni   dalla   sua
trasmissione alla Conferenza, prevede  che  il  decreto  puo'  essere
comunque adottato,  previa  deliberazione  definitiva  da  parte  del
Consiglio dei ministri;
  Visto  il  decreto  del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri,
approvato in via definitiva in data 21 luglio 2017, pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale, Serie  generale  n.  247  del  21  ottobre  2017,
recante adozione delle note metodologiche per la  determinazione  dei
fabbisogni standard ed il fabbisogno standard per ciascuna  provincia
e citta' metropolitana delle regioni  a  statuto  ordinario  relativi
alle  funzioni  di  istruzione,  territorio,  ambiente,  trasporti  e
funzioni generali parte fondamentale;
  Vista  la  documentazione  recante  l'aggiornamento  a  metodologia
invariata dei fabbisogni standard dei comuni per il 2018,  nonche'  i
coefficienti di riparto dei fabbisogni standard dei  singoli  comuni,
trasmessa da Sose  Soluzioni  per  il  sistema  economico  S.p.A.  al
Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e al  Dipartimento
delle finanze del Ministero dell'economia e delle finanze con nota n.
0000243 del 13 settembre 2017;
  Vista la legge 7 aprile 2014 n. 56 che ridefinisce, tra l'altro, il
perimetro delle funzioni fondamentali che le  Province  e  le  Citta'
Metropolitane sono tenute a svolgere;
  Vista  la  documentazione  recante  l'aggiornamento  a  metodologia
invariata  dei  fabbisogni  standard,  per  il  2018,  relativi  alle
province e alle citta' metropolitane, trasmessa da Sose  -  Soluzioni
per il sistema economico  S.p.A.  al  Dipartimento  della  Ragioneria
generale dello Stato e al Dipartimento delle  Finanze  del  Ministero
dell'economia e delle finanze con nota  n.  00252  del  21  settembre
2017;
  Acquisito il parere favorevole del  Dipartimento  della  Ragioneria
generale dello Stato del Ministero dell'economia e delle  finanze  in
ordine alla verifica ai fini del  rispetto  dei  vincoli  di  cui  al
citato art. 1, comma 3, del decreto legislativo 26 novembre 2010,  n.
216;
  Vista la deliberazione  preliminare  del  Consiglio  dei  ministri,
adottata nella riunione dell'11 dicembre 2017;
  Sentita la Conferenza Stato-citta' ed autonomie locali ai sensi del
richiamato art. 6, comma 1, del decreto legislativo 26 novembre 2010,
n. 216 nella seduta del 21 dicembre 2017;
  Vista la  deliberazione  definitiva  del  Consiglio  dei  ministri,
adottata nella riunione del 22 febbraio 2018;
 
                              Decreta:
 
                               Art. 1
 
  1. Sono adottate le note metodologiche relative all'aggiornamento a
metodologie invariate dei fabbisogni standard delle province e  delle
citta' metropolitane per  il  2018  ed  il  fabbisogno  standard  per
ciascuna provincia e citta' metropolitana  delle  Regioni  a  Statuto
ordinario, allegati  al  presente  decreto,  relativi  alle  funzioni
programmazione provinciale e metropolitana della rete scolastica  nel
rispetto della  programmazione  regionale  e  gestione  dell'edilizia
scolastica  (Istruzione),  costruzione  e   gestione   delle   strade
provinciali e metropolitane, nonche' regolazione  della  circolazione
stradale ad esse inerente (Territorio),  pianificazione  territoriale
provinciale  e  metropolitana  di  coordinamento,  nonche'  tutela  e
valorizzazione  dell'ambiente   per   gli   aspetti   di   competenza
(Ambiente),  pianificazione  dei  servizi  di  trasporto  in   ambito
provinciale e metropolitano, autorizzazione e controllo in materia di
trasporto  privato  in  coerenza  con  la  programmazione   regionale
(Trasporti)  e  raccolta   e   elaborazione   di   dati,   assistenza
tecnico-amministrativa agli  Enti  Locali  (Funzioni  generali  parte
fondamentale).
                               Art. 2
 
  1. Le Province e le Citta' Metropolitane danno adeguata pubblicita'
al  presente  decreto  sul  proprio   sito   istituzionale,   nonche'
attraverso le ulteriori forme di comunicazione del proprio bilancio.
  Il presente decreto sara' trasmesso ai  competenti  organi  per  il
controllo e pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica
italiana.
 
    Roma, 22 febbraio 2018
 
                                     Il Presidente: Gentiloni Silveri

Registrato alla Corte dei conti il 20 aprile 2018
Ufficio controllo atti P.C.M. Ministeri giustizia  e  affari  esteri,
reg.ne succ. n. 818
                                                             Allegato
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 

 

HomeSentenzeArticoliLegislazioneLinksRicercaScrivici