SentenzeArticoliLegislazioneLinksRicercaScrivici
News
 
Si segnala: Data:  30 settembre 2014

 

 

New  La sentenza del Consiglio di Stato, Sez. III, 26 settembre 2014, n. 4854,  sulla causa di esclusione ex art. 38, c. 1, lett. g), del D.lgs 163/2006.

 

New  La sentenza del Consiglio di Stato, sez. III, 26 settembre 2014, n. 4852, sulle caratteristiche che debbono avere i provvedimenti interdittivi come base per giustificare la loro adozione da parte dell'autorità prefettizia competente, in ordine al pericolo di infiltrazione mafiosa.

 

New  L’art. 7 del d.l. 12 settembre 2014 n. 133, cd. sbocca Italia, ha apportato importanti modifiche alle disposizioni del d.lgs. 152/2006, recante norme in materia ambientale, in materia di servizio idrico integrato, di gestione dei servizi e delle risorse idriche oltre che per rispondere alle molteplici procedure di infrazione aperte dall’Ue nei confronti dell’Italia per le violazioni in materia di fognature e depurazione delle acque reflue urbane. Inoltre, il summenzionato articolo, prevede l’accelerazione degli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico e l’adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione ed il finanziamento di opere urgenti di sistemazione idraulica nelle aree metropolitane più soggette ai fenomeni di alluvione ed esondazione dei corsi d’acqua. In tema di servizio idrico integrato, in primo luogo è stata sostituita la definizione della soppressa “Autorità d’ambito”, ora definito come “ente di governo dell’ambito”, e le parole “le Autorità d'ambito” sostituite dalle seguenti: “gli enti di governo dell'ambito”, cui gli enti locali dovranno obbligatoriamente aderire; sono stati modificati i rapporti tra ente di governo d’ambito e gestore del servizio idrico e previsti poteri sostitutivi al Presidente della regione per garantire la costituzione degli enti di governo e l’affidamento del servizio idrico integrato. Inoltre, è stata sostituito il termine unitarietà della gestione con unicità della stessa. Per quanto riguarda la forma di gestione e l’affidamento del servizio idrico integrato, l'ente di governo dell'ambito, nel rispetto del piano d'ambito e del principio di unicità delibera la forma di gestione fra quelle previste dall'ordinamento europeo provvedendo all'affidamento del servizio nel rispetto della normativa nazionale in materia di organizzazione dei servizi pubblici locali.

 

New  La sentenza del  Tar Campania, Napoli, sez. I, 19 settembre 2014, n. 4976, secondo cui spetta alla giurisdizione del G.A. la controversia sull'annullamento di un decreto dirigenziale regionale con il quale, è stata definita la percentuale da riconoscere a titolo di spese di riscossione delle tariffe ai soggetti gestori degli Acquedotti comunali; ed inoltre che i soggetti gestori del servizio idrico integrato devono stabilire convenzionalmente il riparto delle spese di riscossione.

 

New Il comunicato del Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione del 17 settembre 2014, sull’applicazione dell’art. 37 del d.l. 24 giugno 2014 n. 90, come convertito dalla l. n. 114/2014  e sulle modalità di trasmissione e comunicazione all’ANAC delle varianti in corso d’opera.

 

New La determinazione n. 2 del 2 settembre 2014 dell'Autorità Nazionale Anticorruzione recante applicazione dell’art. 38, c. 1, lett. b), del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159.

 

 

 

 

Nella sezione sentenze trovate:

 

New La sentenza del Consiglio di Stato, sez. III, 16 settembre 2014, n. 4705, sulla facoltà del titolare della farmacia di individuare l'ubicazione del locale di vendita all'interno della zona servita.

 

New La sentenza del Tar Veneto, sez. I, 17 settembre 2014, n. 1219, secondo cui nelle gare svolte con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, l'eventuale articolazione dei criteri valutativi previsti dal bando in sub-criteri deve essere stabilita dalla stazione appaltante ed indicata nel bando.
 

New La sentenza della  Corte di giustizia dell'Unione europea, sez. IX, 18 settembre 2014, n. C-549/13, secondo cui il salario minimo prescritto fra i requisiti di un appalto pubblico non può essere esteso ai lavoratori di un subappaltatore stabilito in un altro Stato membro, nel caso in cui questi eseguono l'appalto soltanto in tale altro Stato.

 

 

New La sentenza del Tar Lazio, Roma, sez. II bis, 16 settembre 2014, n. 9733, secondo cui il vice presidente che risulti titolare, a norma dello statuto, di poteri di rappresentanza è tenuto a produrre le dichiarazioni di cui all'art. 38 del d.lgs. n. 163 del 2006, pena l'esclusione dalla gara.

 

New La sentenza del Consiglio di Stato, Sez. III, 15 settembre 2014 n. 4698, sull'onere di immediata impugnazione del bando di gara; ed inoltre sulla valutazioni delle offerte da parte della commissione di gara espresse mediante attribuzione dei punteggi in forma soltanto numerica.

 

 

New La sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea, sez. V, 11/9/2014, n. C-19/13, sull'interpretazione dell'art. 2 quinquies, par. 4, della direttiva 89/665/CEE, in tema aggiudicazione di un appalto pubblico senza previa pubblicazione di un bando di gara nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

 

- La sentenza del Consiglio di Stato, sez. V, 10 settembre 2014, n. 4599, sulle modalità di affidamento dei servizi pubblici locali.

 

- La  sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea, sez. IV, 11/9/2014, n. C-328/13, sull'interpretazione dell'art. 3, par. 3, dir. 2001/23/CE, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti.

 

 Le ultime sentenze del mese di settembre sono pubblicate in fondo a questa pagina. 

 

 

 

Nella sezione legislazione trovate:

 

New Il decreto legge 12 settembre 2014, n. 133 (c.d. sblocca Italia) recante: Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l'emergenza del dissesto idrogeol. e per la ripresa delle attività produttive. Pubblicato in G.U. n. 212 del 12 settembre 2014.

 

New Il comunicato ISTAT recante: Elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato, individuate ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196 e ss.mm. (Legge di contabilita' e di finanza pubblica). Pubblicato in GU n.210 del 10-9-2014